ARTISTI ANNI 80    BlasiManagement - Roma  P.I. 02044880389

Partner Site : http://www.robertoblasi.com

Artisti anni 80 : ROCKETS

I Rockets sono stati un gruppo musicale francese che ottenne il maggior successo in Italia tra gli anni settanta e gli ottanta con brani quali Future Woman, Space Rock, One More Mission, Electric Delight e soprattutto la reinterpretazione On the Road Again, ancor oggi talvolta trasmesso per radio, e Galactica, vero e proprio tormentone del 1980 che ha permesso loro di vincere il Telegatto come miglior gruppo straniero. Il loro genere iniziale era rock, definito subito dalla stampa "space-rock" per le venature fantascientifiche dei testi e dell'aspetto scenico, e per le sonorità elettroniche ed "aliene". Più avanti venne invece associato alla disco, e infine al pop elettronico (synthpop), anche se in quest'ultimo caso probabilmente a torto.

La formazione del gruppo nel periodo di maggiore attività (1977-1982) era costituita dal frontman/cantante Christian Le Bartz, dal chitarrista Alain Maratrat, dal bassista e cantante Gerard L'Her, dal tastierista Fabrice Quagliotti e dal batterista Alain Groetzinger. Sesto elemento può essere considerato il produttore francese Claude Lemoine, che li creò e contribuì sostanzialmente a definirne il "sound".

I Rockets sono ricordati per vari motivi:

  • Si presentavano alle loro esibizioni come dei veri e propri extraterrestri, ricoprendosi il viso con una speciale crema argentea e vestendosi con delle tute in tessuto argenteo dal design fantascientifico;

  • Il loro suono faceva larghissimo uso di elettronica, pur includendo anche basso, chitarra e batteria tradizionali.

  • I loro concerti erano caratterizzati dall'utilizzo di spettacolari effetti visivi (raggio laser e fumi), artifizi pirotecnici, come bombe e bazooka spara fiamme (succedeva spesso che qualche spettatore si ferisse) e particolari effetti sonori, tra cui talk box, vocoder e grande utilizzo di tastiere. Furono fra i primi, nel dicembre 1977, ad inserire l'effetto delle luci laser nei loro concerti (insieme ai Pink Floyd e ai Genesis);

  • Assumevano movenze e sembianze da robot, e per questo accade spesso che vengano accomunati al gruppo tedesco dei Kraftwerk (anche se nel loro caso parliamo di musica elettronica e di uno stile a larghi tratti differente). Un altro motivo di confusione tra i Rockets ed i Kraftwerk è che On the Road Again del gruppo francese e The Robots di quello tedesco erano usciti entrambi nel 1978, entrambi con voce modificata con il vocoder.